martedì 11 febbraio 2020

La poesia del martedì

L’aspitēva
di Pontoni Roberto

Aṡlunghȇ par tëra, 
dri e’ canzèl de cȃmp sȃnt,
fèrum, 
un nērb u j sältēva ins la schéna
 e un urècia l’a s alzēva 
quȃnd che ’na vȏṡ e’ sintēva.
J ócc asré, 
e’ parēva ch’ durmès, 
ma l’arèb mos la cȏda 
s l’avès ’cnunsù i su pës.
L’arèb magnȇ da cla mȃn 
ch’ l’a j daṡēva al carèz, 
e’ cumpȃgn’d tót i dè 
a la lónga ’d che viaż.

L’aveva farmê e’ témp
e e’ témp adës
l’aveva farmê lò. 


L’attesa

Allungato per terra, / vicino al cancello del cimitero, / fermo, / un nervo gli saltava sulla schiena /
e un orecchio si alzava / quando sentiva una voce.
Gli occhi chiusi, / sembrava dormisse, / ma avrebbe mosso la coda / se avesse riconosciuto i suoi passi.

Avrebbe mangiato da quella mano / che lo accarezzava, /il compagno di tutti i giorni /
lungo quel viaggio.

Aveva fermato il tempo / e il tempo adesso / aveva fermato lui.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento