giovedì 6 febbraio 2020

Renzi e l'Italia

Pensieri di un ex renziano della prima ora

Il direttore con il Sindaco di Firenze

Di questo non ve ne frega niente, ovviamente, ma solo perchè i pensieri possano sembrare abbastanza obiettivi, perchè sono pensieri critici ovviamente.

Io renziano per il piacere di rottamare, finalmente, rottamare i politici di professione, seduti in poltrona da decenni.

Renzi Presidente del Consiglio di un governo di sinistra con ampia maggioranza, bello.

"Adesso rimango nella storia del Paese perchè ne cambio la Costituzione" nata dalla Resistenza.

Il primo eccesso di presunzione punito dagli italiani e passa allora dagli altari alla polvere, come succede troppo spesso.

Il tracollo del partito di Renzi, il Pd, le sue dimissioni.

Dopo le politiche il no al necessario governo con i Cinque Stelle e quindi la porta spalancata a Salvini, "Mi hanno offeso troppo, con loro no, mai".

Il sì dopo l'autogol, il regalo di Salvini alla sinistra, "Sì, questo governo con i Cinque Stelle  s'ha da fare".

Poi "Adesso me ne vado, faccio i caz.. miei", con questo partito il Pd non ci sto.

La prescrizione, "Io voto con Forza Italia adesso, senza i miei voti non ce la fate.

Non ce la facciamo? Riapriamo la strada a Salvini, per la seconda volta, e questa volta per otto anni almeno, ai barbari?

Ma chi è Renzi? Un uomo solo che fa e disfa i governi del Nostro Paese?? Va rottamato!

Arrigo Antonellini  

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento