mercoledì 22 aprile 2020

Aiuto alle famiglie in difficoltà

A Massa Lombarda da Caritas ed associazioni di volontariato


La Caritas di Massa Lombarda, da sempre impegnata a fianco dell'Amministrazione Comunale per supportare e sostenere le fragilità economiche e sociali del territorio, anche in un momento così drammatico legato all'emergenza Covid-19 ha fatto sentire forte il suo sostegno alle fasce più deboli della città.
L'intervento di Caritas Massa Lombarda, in tempo di Coronavirus, è infatti andato oltre l'importante opera di sostegno alle famiglie seguite normalmente. I volontari Caritas, di concerto con i servizi sociali del Comune di Massa Lombarda, hanno contattato le famiglie in difficoltà, consegnando loro viveri di prima necessità.

“Ancora una volta ne abbiamo la conferma: siamo una comunità che si mette al servizio dei più deboli e che anche grazie al prezioso lavoro dei volontari di Caritas veicola messaggi di positività a tutta la città – commenta la vice sindaco di Massa Lombarda con delega a Politiche e servizi sociali Carolina Ghiselli -. La distribuzione dei generi di prima necessità a chi ne ha bisogno procede con rapidità grazie all’ottima organizzazione dei servizi, che permette così di raggiungere tutti in tempi rapidi con interventi in sicurezza”.

Forte anche la solidarietà e la vicinanza delle altre associazioni di volontariato massesi, che si sono rivolte a Caritas con donazioni sia in denaro che in prodotti alimentari. In particolare, in occasione delle recenti festività pasquali le associazioni Udi Massa Lombarda e Corale “Ettore e Antonio Ricci” hanno contribuito all'acquisto di prodotti alimentari e per la prima infanzia. Inoltre, l'associazione “E Pargher” ha donato uova di cioccolato e colombe, mentre il supermercato Conad di Massa Lombarda ha donato 50 colombe. 

Grande disponibilità dimostrata anche dall’azienda Selvi Luciano, che ha donato 600 pizze a Caritas per le famiglie in difficoltà. “Un contributo, quest’ultimo, che assume un grandissimo valore alla luce del recente lutto che ha colpito l’azienda, con la scomparsa di Luciano”, ricorda Carolina Ghiselli.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento