venerdì 10 aprile 2020

Si torna a "parlare" della San Vitale

Una priorità tenuta nel cassetto


In Provincia avevo un assessore ai Trasporti, alla fine degli anni Settanta, di Massa Lombarda, che tutte le mattine arrivava in ufficio arrabbiato perchè aveva impiegato venti minuti per arrivare solo a Bagnacavallo e sulle strade c'era la metà del traffico di oggi (non di questi giorni strani).

Quando arrivavo in Regione i colleghi delle altre Province ed i loro Assessori dicevano "Arriva quello della San Vitale". 

Ci sono voluti anni perchè l'allora capo gruppo della DC ing, Giuseppe Sangiorgi, anche dirigente del Settore Lavori Pubblici della Provincia, convincesse il Comune di Lugo che il progetto andava fatto a Sud di Lugo non a Nord.

C'è stato negli anni Ottanta un Piano Triennale dell'Anas che prevedeva la ristrutturazione della Statale San Viale (poi diventata Strada Provinciale), un collegamento veloce Bologna, il suo centro Intermodale ed il Porto di Ravenna, la riviera, non autostradale; la nuova circonvalazione di Massa, Sant'Agata, Lugo, Bagnacavallo.

Quel Piano è stato l'unico che è stato "saltato", mai finanziato.

Il carico di traffico crescente suscita sempre maggiori proteste da parte dei residenti e degli utenti della sp 253, un dibattito animato si è sviluppato sui sociale, è stato riportato all'attenzione anche dal "giornale di Massa"

Il tracciato prevede la partenza da Ganzanigo, collegandosi alla Tarversale di pianura per Bologna, passando a bord di Bagnara sino a collegarsi con l'autostrada liberalizzata Cotignola-Ravenna.

Il progetto fu poi ancora inutilmente rilanciato dieci anni fa dall'allora Sindaco, Cortesi.

"Oggi" però il vicesindaco Pasquale Montalti dice di non conoscere il progetto e l'assessore alla viabilità, Veronica Valmori "Al momento non ci sono prospettive in merito alla sua realizzazione.

Sulla stessa linea anche l'ex Sindaco del Comune della Romagna Estense, Luca Piovaccari, Sindaco di Cotignola: "Sono rimasto al progetto che ci fu illustrato 5 anni fa dicendoci che c'erano finanziamenti per completare la parte esecutiva e provare a partire con un primo stralcio dei lavori. Da allora non ho più avuto notizie".

Quanto incasserebbe in meno la Società Autostrade sul tratto Cotignola-Bologna? Quanti decenni sono stati necessari per completare la E45 dalla Romagna a Roma?

I ponti cadono ma la politica della viabilità nazionale la fa ancora la Società Autostrade.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento