mercoledì 6 maggio 2020

Come conciliare lavoro e genitorialità

Favorendo l’outdoor education

Conciliare lavoro e famiglia, ponendo al centro le esigenze educative e di socialità dei bambini

Questi i temi al centro dell’incontro in video conferenza fra l’Assessore alla pubblica Istruzione e Infanzia del Comune di Ravenna, Ouidad Bakkali, Marianna Panebarco, componente della Presidenza CNA Ravenna, e i Presidenti Nicoletta Cirelli - CNA Impresa Donna, Davide Basile - CNA Giovani Imprenditori e Marcello Monte - CNA comunale di Ravenna.

Queste tematiche riguardano lavoratori autonomi e dipendenti, uomini e donne. 

Individuare soluzioni diventa fondamentale anche per ridurre le differenze di genere ancora esistenti, che portano la donna troppo spesso ad occuparsi maggiormente della cura dei bambini con un’incidenza negativa sul loro lavoro.

L’incontro si è aperto con i ringraziamenti al Sindaco Michele de Pascale e all’Assessore Ouidad Bakkali per l’attenzione e l‘impegno che stanno dimostrando per far riaprire le attività educative e ricreative per i bambini, un aspetto fondamentale in questa fase di ripartenza del lavoro.

“Occorre innanzitutto partire dai servizi educativi - hanno sottolineato i rappresentanti di CNA Ravenna - cercando di riattivare le strutture pubbliche e private e favorendo nei prossimi mesi, l’outdoor education, sfruttando spazi pubblici come parchi, giardini ma anche collaborazioni con strutture private (come, per esempio, gli stabilimenti balneari) per cercare di evitare gli assembramenti”.

“Accanto alle forme tradizionali – hanno proseguito i rappresentanti di CNA - è importante poter sperimentare nuove modalità, come per esempio piccoli “nuclei fiduciari” di famiglie che possano a turno occuparsi dei bambini con tutte le forme di tracciamento e di sicurezza del caso. 


In tali contesti si potrebbe pensare anche alla presenza di educatori, studiando per queste forme sperimentali possibili opportunità di sostegno economico”.

Anche su questo aspetto CNA è pronta e disponibile a partecipare, con idee e proposte, a un Tavolo di confronto per individuare soluzioni fattibili e soprattutto calate nella realtà locale.

“Ringrazio CNA - dichiara l’Assessore Ouidad Bakkali - per questo prezioso confronto. La direzione e l'obiettivo sono comuni: se riparte il lavoro di tutte e tutti, questo deve succedere con un'attenzione vera ai temi della conciliazione e anche al "lavoro" dei bambini, ovvero tornare a giocare e socializzare.


Il nostro tessuto imprenditoriale è denso di proposte su questi temi e credo sia parte del lavoro dell'ente locale ascoltare. 

Le sfide per la ripartenza sono innumerevoli, così come le complessità a partire dalle questioni più prettamente legate alla sicurezza di tutti i soggetti coinvolti e la sostenibilità per gestori e famiglie”.


Già sino alla noia, questa che è un'ovvietà, anche se sembra incomprensibile alla nostra Ministra che viene dall'Antartide: i bambini, i ragazzi non chiusi tra quattro mura davanti ad un Pc, ma all'aperto, anche con l'ombrello, il cappuccio, se servisse!!?
Sino alle vacanze di Natale!

ana 
Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento