lunedì 4 maggio 2020

E questo è il Premier Conte

Ci siamo



L'abbiamo rotto noi un assordante silenzio che durava da settimane, il 23 aprile:


L'articolo lo mandammo ai sindaci, compreso ovviamente quello di Ravenna che nello scenario istituzionale italiano non è proprio il "due di coppe con briscola denari" !?

Due giorni dopo De Pascale è uscito sul Carlino con una dichiarazione in cui diceva che bisognava riaprire gli asili e fare i CRE.

Se parla il Sindaco di Ravenna la Regione Emilia-Romagna risponde ed il tema, questa necessità, è arrivato sui tavoli di lavoro regionali.

E questo è il Premier ieri l'altro in Parlamento.

"Occorrerà valutare la possibile riapertura, in modalità sperimentale, di nidi e scuole dell'infanzia, oltre ai CRE ed altre attività ludiche ed educative destinate ai nostri bambini. I nostri figli devono ricevere dalla politica tutta l'attenzione necessaria (Meglio tardi che mai, N.d.R.) ed il governo intende dedicare ai minori lo spazio che meritano nei prossimi provvedimenti normativi".

I genitori potranno dunque lasciare i figli ad un educatore, appartenente ad una cooperativa o aun'associazione ed ognuno di questi si occuperà di 4.5 bambini, sipotranno fare attività nei parchi, i pasti rasanno gestititi dal terzo settore e non si potranno portare giocattoli da casa.

A giugno e luglio saranno attivi i C con un orario più lungo nella giornata.

Ancora il Premier: " Se le mura domestiche sono per molti ragazzi un luogo di amore e conforto, per altri possono peggiorare situazioni già a rischio, rispetto alle quali la frequenza scolastica è un potente presidio di inclusione".

Ancora, era ora e ci sta, potenza della stampa, il quarto potere...

Il direttore

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento