lunedì 11 maggio 2020

Il Papa e la festa della mamma

Francesco ci ha regalato una lacrima
di Arrigo Antonellini


Impossibile non amare Papa Francesco come fosse nostro padre, in particolare per chi ha il Padre in cielo, come Achille mi ha insegnato come vivere quando ero bambino, ragazzo, Francesco è la continuità della vita, mio padre, padre e guida di tutti.
Ci ha stretto la mano mentre ci ha portato in un momento di silenzio a pensare a Vittoria, la mamma, la sua dolcezza, potendo vivere come il loro amore per noi, dei due sposi, i nostri genitori, è l'amore di Dio, padre di tutti, della Madonna, madre di tutti, per noi.

Francesco ci regala la strada per uscire dai turbamenti della vita di tutti indicandola nel servizio agli altri, per il premio che ci attende alla fine della vita.

Ha pregato per l'Europa nel giorno della sua festa perchè nelle concordia e nella condivisione affronti la pandemia e per l'Africa nei quarant'anni dell'intervento di San Giovanni Paolo II, con l'impegno oggi della messa a dimora di un milione di alberi.

Arrigo Antonellini 

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento