venerdì 15 maggio 2020

L'impegno della Protezione Civile di Bagnacavallo

Il ringraziamento della Sindaco Eleonora Proni


«Il lavoro svolto in questi mesi dai volontari del Gruppo comunale di Protezione Civile di Bagnacavallo è stato intenso e prezioso.






Per i numerosi servizi svolti per l’emergenza Covid-19 e per il contatto umano con le persone anziane e fragili, tutt’altro che secondario in giorni di isolamento. Li ringraziamo tutti, sottolineando che un’altra bella notizia è venuta anche dal grande incremento del numero dei volontari, a ribadire la coesione di una comunità che soprattutto nel momento del bisogno sa stringersi attorno a se stessa.»

Con queste parole il sindaco Eleonora Proni, assieme a tutta la Giunta e al presidente del Consiglio comunale Matteo Giacomoni, ha voluto complimentarsi con il Gruppo di Protezione Civile, sin dai primi giorni impegnato per far fronte all’epidemia.

I volontari attualmente facenti parte del Gruppo comunale, coordinato da Oriano Ballardini, sono 46, con 19 nuovi iscritti da marzo a oggi e quattro domande tuttora in via di approvazione. La media è di dieci volontari attivi al giorno per i vari servizi legati all’emergenza.

Tra questi ricordiamo innanzitutto le chiamate telefoniche alle persone con più di 75 anni anagraficamente sole e alle persone con fragilità, effettuate in collaborazione anche con i dipendenti comunali.

Le persone, residenti a Bagnacavallo e in altri comuni, sono state contattate in base alle segnalazioni dell’Ufficio Servizi Sociali dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, il quale ha poi provveduto a dare risposte alle esigenze emerse.

Sono state contattate circa mille persone, circa 200 delle quali vengono tuttora seguite regolarmente con telefonate a cadenza in genere settimanale, in alcuni casi anche soltanto per il piacere di sentire una voce amica e rassicurante.

Tra gli altri servizi effettuati sono da segnalare la sanificazione di panchine, cestini e attrezzature da gioco, la distribuzione di prodotto antilarvale per la lotta alla zanzara tigre, la messa in opera di un nebulizzatore per le sanificazioni, la gestione del mercato del sabato a Bagnacavallo, la distribuzione di gel disinfettanti e di dispositivi di protezione individuale.

Per quanto riguarda in particolare le mascherine, ne sono state imbustate e distribuite circa 140mila con la collaborazione di Auser Bagnacavallo e dei gruppi di Protezione Civile di Massa e Conselice. Sono poi state distribuite alle aziende e ai Comuni che le hanno richieste altre 5.000 mascherine donate da aziende e amministrazioni di tutta la Bassa Romagna.

Ci si è mossi inoltre nel campo degli aiuti alimentari con la consegna della spesa, dei buoni spesa, delle uova di Pasqua e degli altri beni donati ai nuclei familiari in difficoltà.

Consegne a domicilio hanno riguardato anche mascherine e prodotti antilarvali.

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento