Un in bocca al lupo speciale

Verso la maturità

di Eleonora Orsi

In un momento storico così delicato,
strano e sofferto, cosa può tentare di insegnare la scuola? Una
scuola reduce da mesi di chiusura, didattica di emergenza, tempeste
di critiche e, fortunatamente, anche di incoraggiamento e sostegno.


Forse, può provare a trasmettere
questo: che nelle situazioni più dure, anziché disperarci per una
realtà imperfetta che non si può cambiare, possiamo sempre cercare
una prospettiva costruttiva da cui guardare il mondo, curare piccoli
grandi dettagli e dare valore a quei gesti che creano complicità
positiva.

Nasce da questo proposito l’idea
della Dirigente del Polo Tecnico Professionale di Lugo, la Prof.ssa
Milla Lacchini, che si è chiesta come poter abbracciare i suoi
studenti, simbolicamente, in questa epoca di abbracci vietati e
strette di mano rischiose. La risposta è arrivata grazie alla
disponibilità di UNITEC, gruppo
internazionale con sede principale a Lugo, e del suo Presidente,
Angelo Benedetti, che con entusiasmo hanno accettato di collaborare
con la scuola per fare un in bocca al lupo speciale ai maturandi: al
termine dell’Esame di Stato, a ogni ragazzo del Polo fresco di
diploma, verrà infatti donata una borraccia personalizzata, da
portare con sé in questa estate un po’ anomala ma tanto attesa, e
soprattutto da custodire e utilizzare in futuro, quando le superiori
saranno lontane.

UNITEC opera nel
settore dell’automazione meccanica ed elettronica, progettando e
realizzando, al 100% internamente, tecnologie innovative per la
lavorazione di frutta e verdura. È una realtà in forte espansione,
che conta oltre 600 dipendenti e filiali operative in tutto il mondo.

“Con questo
piccolo regalo – ha dichiarato il Presidente Benedetti – UNITEC
desidera esprimere tutta la sua vicinanza ai giovani studenti. In
UNITEC crediamo che i giovani entusiasti, fiduciosi, con sincera
voglia di mettersi in gioco, siano quanto di più prezioso la società
possa avere. Il nostro compito? Credere in loro.”

Un piccolo cadeau che rappresenterà
non solo un ricordo, ma anche un incentivo a fare scelte ecologiche e
responsabili nella vita di tanti giovani adulti. Ad accompagnare ogni
borraccia ci sarà un biglietto firmato dalla Dirigente Milla
Lacchini e da Angelo Benedetti, con un messaggio di in bocca al lupo
per le avventure che attendono ciascuno studente nel periodo a
venire. Certo, nessun regalo potrà sostituire gli abbracci post
esame, i festeggiamenti spensierati o i leggendari “viaggi di
maturità”, ma l’augurio del Polo e di UNITEC è che in questi
ragazzi non prevalga la sensazione di essere stati sfortunati. Il
desiderio che ha mosso l’iniziativa è che si sentano valorizzati,
capiti e accompagnati.

Poiché per ogni viaggio che termina ce
n’è uno nuovo che inizia, anche gli studenti delle future classi
prime dell’istituto saranno accolti con lo stesso omaggio, che in
quel caso avrà un valore diverso ma altrettanto importante. Non un
commiato ma un benvenuto, pieno della speranza che anima tutti: che
quelle borracce, al più presto, viaggino tanto, in centinaia di
zaini oppure strette in moltissime mani, in aule piene di voci e di
sorrisi, lungo quei corridoi chiassosi e vivi che tanto ci sono
mancati. Mai, come quest’anno, arrivati alla fine della scuola, c’è
stata tanta voglia di ricominciare.

Prof.ssa Eleonora
Orsi

Ultime Notizie

Rubriche