sabato 6 giugno 2020

Padlet

Ancora una piattaforma digitale

La scuola dell'infanzia comunale Capucci di Lugo è uno dei tre istituti della Bassa Romagna che utilizzano il “Padlet”, piattaforma digitale curata dal Coordinamento pedagogico dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna, in cui vengono caricate ogni giorno tante esperienze da realizzare a casa.


Il “Padlet” è anche un’occasione per i bambini e le famiglie che stanno frequentando l’ultimo anno di scuola materna per scambiarsi consigli in vista dell’inizio di un nuovo ciclo scolastico, anche grazie alle insegnanti Emanuela Gardenghi dell'Istituto Comprensivo Lugo 1 e Denise Bernabei dell'Istituto Comprensivo Lugo 2 che hanno dato preziosi consigli a bambini e famiglie.

Il “Padlet” della Capucci si è recentemente arricchito di un video della presidente della Consulta dei ragazzi e delle ragazze, Mariagiulia Liparesi, che ha voluto augurare ai bambini che terminano in queste settimane la scuola dell’infanzia un felice inizio alle scuole elementari.

Purtroppo quest’anno scolastico si conclude in maniera anomala, con lezioni e attività portate avanti a distanza e bambini e ragazzi che non potranno tornare in aula per salutarsi – spiega l’assessore alla Scuola del Comune di Lugo, Luigi Pezzi -. In questi mesi però non ci siamo fermati e grazie al grande lavoro dei nostri servizi educativi siamo riusciti a trasformare una situazione di difficoltà in una grande occasione per sperimentare modalità innovative per restare in contatto. In questa piattaforma ‘Padlet’ abbiamo voluto coinvolgere tutti: insegnanti, educatori, famiglie, bambini e la Consulta dei ragazzi e delle ragazze. Ringrazio la presidente Mariagiulia Liparesi, che ha dimostrato una grande attenzione verso i più piccoli attraverso un bellissimo video”.

In questa piattaforma online le famiglie possono così trovare tante idee sulle attività da proporre ai bambini a casa, ma anche numerosi consigli su come affrontare questa emergenza. Non solo, il “Padlet” permette anche ai bambini di rimanere in contatto con gli educatori e gli amici, inviando video e foto.


Ma basta con i PC gli smartphone, il virtuale, i bambini dopo tanti mesi hanno bisogno del reale, stanno partendo ovunque i CRE. Nelle scuole della Romagna Estense quando??

ana


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento