venerdì 12 giugno 2020

Pavaglione estate?

Bisognava immaginare che ci sarebbe stato l'inghippo


Si sa che i ravennati mettono la tenda per dormirci, in coda per comprare i biglietti di Ravenna Festival.

Non hanno mica un contenitore con i potenziali diecimila posti del nostro Pavaglione, la Rocca Brancaleone, il loro contenitore all'aperto, ne tiene a mala pena duemila.

Con il distanziamento obbligatorio quest'anno si riducono ad appena trecento.

Sono i primi in Italia a riaprire agli spettacoli all'aperto, ovviamente, ma devono fare i conti con la ridottissima capienza.

Si sa che che solitamente, in condizioni normali, fanno file lunghissime per comprare i biglietti, figuriamoci quest'anno.

Ma veniamo a noi, il Sindaco di Lugo ha partecipato alla conferenza stampa di presentazione del programma vantando i cinque spettacoli conclusivi del Festival nel nostro Pavaglione come un grande successo per i romandioli.

Ma per chi, per i romandioli?

Provate a voler esserci, a prenotare i biglietti, ad essere  a casa vostra a tornare a godere di grandi eventi nel nostro Pavaglione.

Mission impossible.

Impossibile avere risposta al telefono; a poche ore dall'apertura on line, tutto esaurito per lo spettacolo del 24, solo il secondo settore, le ultime file, per quello del 25 ! 

Così anche per gli spettacoli a Ravenna, ovviamente.  

Qualcosa mi aveva insospettito quando si è saputo che per esserci, a casa nostra, bisognava prenotare non "dalla Francesca", ma a Ravenna, 

Dunque in quelle quattro serate ospiteremo i ravennati, contenti che noi offriamo loro  500 posti invece dei loro trecento e non potremo nemmeno stare fuori, vicino alle porte, perchè gli "stranieri" riempiranno tutti i nostri parcheggi.

Arrigo Antonellini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento