lunedì 8 giugno 2020

Primavera a Sarajevo

Quanti progetti annullati dal Covid!
di Lucia Baldini


O portati a termine solo in parte!

Le iniziative e gli eventi che i docenti programmano all'inizio dell'anno scolastico o in itinere sono veramente una marea, un percorso che ha l'intento di coinvolgere, formare, informare e far crescere gli alunni come persone in grado di giudicare obiettivamente e operare scelte di vita consapevoli.

Oggi, mentre si stanno svolgendo scrutini e si preparano esami, per la maggior parte dei nostri ragazzi iniziano le vacanze, vacanze dal sapore tutto nuovo. E qualcuno torna col pensiero alle attività svolte parzialmente, ai viaggi non fatti, alle uscite soppresse.
E mentre il nostro pensiero immagina come sarebbe stata questa foto sabato scorso, proviamo a riflettere sulla didattica a distanza, così come è stata vissuta da tre classi del nostro Liceo.


Ce ne parla la docente di latino, la prof. Deanna Geminiani, che è partita proprio dalla sua disciplina per collegarsi con l'attualità della guerra in Bosnia, attraverso il filo rosso della  propaganda di regime da Virgilio in poi.

Era previsto un Viaggio della Memoria, annullato per i motivi che sappiamo tutti, che  avrebbe avuto come tappa Sarajevo.

La classe 4 CL ha tentato di raccontare pezzi di una nazione scomparsa e ferita, che porterà per sempre cicatrici drammatiche e profonde, In un'epoca nella quale il nazionalismo peggiore è tornato alla ribalta, l'ex Jugoslavia, costellata dai segni di un passato tragico e violento, è lì a raccontarci quale sia il pozzo nero dentro al quale questo atteggiamento può spingere l'umanità.

Il progetto ha fatto tesoro delle considerazioni emerse durante gli incontri a scuola e poi on line, prendendo spunto dal romanzo di Margaret Mazzantini, Venuto al mondo.
Hanno coordinato i lavori i docenti Stefania Battaglia e Fabio Pagani.

La classe 4 ASA, pur avendo partecipato agli incontri in presenza prima della quarantena, ci dice la prof. Geminiani, non è riuscita a completare i lavori di gruppo sulla guerra bosniaca e la manipolazione mediatica, ma ha letto e commentato i libri della scrittrice di Srebrenica Elvira Mujcic, che hanno permesso di avvicinarsi allo spirito di chi non riesce a dimenticare l'angoscia e la paura e anche di capire la realtà di chi è costretto a migrare e si trova senza radici, sospeso in una realtà che anche se lo accoglie e lo include, resta pur sempre una scelta dolorosa.

Primavera a Sarajevo è stata quindi un'occasione per crescere, per ampliare un orizzonte, che, per un'angosciosa ironia della sorte, si era ristretto, era diventato grigio, più vicino quindi alle sofferenze dei protagonisti del progetto. Una primavera strana anche per queste ragazze, a cui auguriamo primavere di libertà e di salute, da condividere con tutto il mondo.

Diamo ora la parola agli alunni della classe 4BSU che sintetizzano così il loro percorso.

PRIMAVERA A SARAJEVO

Il silenzio di una guerra dimenticata

classe 4^BSU

Venticinque anni fa scoppiò una guerra che spesso oggi a noi giovani non viene ricordata e molti di noi, prima del progetto “Primavera a Sarajevo”, non ne avevano mai sentito parlare. Per questo motivo, infatti, era stata scelta proprio Sarajevo come meta del nostro viaggio della memoria, la città che fu, fino a pochi anni fa, uno dei principali teatri di guerra nella ex Jugoslavia. Il nostro progetto prevedeva, infatti, un viaggio di formazione alla scoperta della Bosnia Erzegovina, durante il quale avremmo incontrato cittadini sia adulti, ma soprattutto giovani, che ci avrebbero raccontato la guerra vista attraverso i loro occhi. Questo viaggio sarebbe stata un' occasione per riflettere sul passato, ma anche sul presente che ancora oggi nelle città della Bosnia è tormentato dal ricordo di una guerra che, in realtà,non è mai finita, continua senza armi. Esistono, purtroppo ,  tanti tipi di “armi”, tra le quali le parole che possono diventare ordigni micidiali.                           

Il progetto, che vede coinvolte anche le classi 4^ASA e la 4^CL, era già stato avviato dagli inizi di febbraio attraverso un incontro con la guida che ci avrebbe accompagnato per tutto il viaggio dall'Italia,  una lezione di Diritto internazionale e la lettura con commento di libri di un'autrice bosniaca in preparazione all'effettiva partenza prevista per il 20 aprile . Purtroppo, a causa dell'emergenza sanitaria ancora in corso, il nostro viaggio è stato annullato, ma, in un certo senso, abbiamo deciso di farlo ugualmente. L'opportunità di realizzare questo percorso, infatti, è partita da Latino grazie a Virgilio e alla sua azione poetica che abbiamo definito di regime,  a sostegno della nuova forma di governo realizzata da Ottaviano, il Principato. Durante questi ultimi mesi abbiamo, infatti, condotto numerose ricerche per ricostruire la guerra ed analizzarla nel profondo, concentrandoci sulla propaganda che fu svolta e sul risvolto psicologico che la guerra ha avuto sulla popolazione, per riuscire anche a capire il motivo per cui ancora oggi la popolazione è segnata e divisa internamente. Ci siamo incontrate virtualmente, scambiandoci materiale ed idee, confrontandoci e , divise in gruppi, abbiamo relazionato sulle nostre scoperte. Virgilio ci ha ispirato! A testimoniare che il passato è presente

Ecco una sintesi del lavoro svolto per fare comprendere la complessità di questo conflitto , vicino a noi nel tempo e nello spazio, che non va dimenticato, anzi che ha pari dignità di essere ricordato, come la shoah.

La guerra scoppiò nel 1991 e terminò nel 1995 e fu considerata una delle prime guerre mediatiche grazie all'utilizzo dei moderni mezzi di comunicazione e alla tecnologia.  La velocità con cui viaggiarono le informazioni, però, non servì ad evitare, o attenuare, la strage di civili che avvenne  negli stati che  facevano parte dell' ex Jugoslavia: Serbia,Croazia,Bosnia Erzegovina, Slovenia, Montenegro e Macedonia. Negli anni Ottanta  con il crollo del Muro di Berlino, e l' improvviso squilibrio economico che ne conseguì,  iniziò la decadenza della Jugoslavia e del governo centrale a capo di questa. Alcuni stati iniziarono così a separarsi dall'Unione: nel 1991 si sciolsero la Slovenia e la Croazia, seguite da Montenegro e Macedonia , mentre la Bosnia Erzegovina  iniziò ad essere considerata un “microcosmo jugoslavo”, a causa della presenza di tre diverse etnie, che si differenziavano nella religione oltre che nei costumi: i croati, cattolici; i serbi, ortodossi; e i bosniaci musulmani (Bosgnacchi).

 Nel 1992 anche la Bosnia fu riconosciuta come indipendente da Europa e Stati Uniti, ma rimase nel mirino espansionistico della Serbi e della Croazia che da sempre l' avrebbero voluta inglobare per poter creare una "Grande Serbia" o una "Grande Croazia". Perciò poco dopo i Serbi della Repubblica di Serbia e i Croati, entrambi insiti in Bosnia, crearono una sorta di stati indipendenti separandosi dalla parte mussulmana della popolazione. Fu così che la guerra iniziò, accompagnata dallo sterminio che ne seguì, in un territorio dove coesistevano tranquillamente etnie e religioni differenti, in primis a Sarajevo. I Serbi ,infatti, misero in atto un processo di pulizia etnica per creare un territorio omogeneo, ripulendolo da persone di etnia diversa, che vennero cacciate o uccise dai gruppi serbi estremisti. Molti mussulmani vennero internati in capi di concentramento (Omarska) e altri furono profughi e si rifugiarono nelle "enclaves", cioè cittadelle protette sotto l' assedio Serbo.

Durante la guerra la propaganda da ogni fazione utilizzata ricoprì un ruolo fondamentale perché servì ad accentuare la divisione tra le varie componenti etniche, distruggendo l' idea di stato unito e multiculturale. I capi militari si servirono dell'urbicidio, che consisteva nell’attacco mirato alle città per distruggerle ed eliminare i simboli e le testimonianze della convivenza multietnica, come il ponte di Mostar e la biblioteca di Sarajevo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                         Anche la propaganda mediatica fu volta a realizzare lo stesso obbiettivo. Un esempio di ciò fu rappresentato dalla propaganda serba ad opera del presidente Milosevic il quale, attraverso tv e radio, cercò di incutere paura ed odio tra i cittadini serbi, diffondendo anche falsi messaggi ed informazioni, e modificando miti della cultura popolare che divennero storie inventate. Il presidente  intensificò anche l' azione di censura di giornali e libri, servendosi di manifesti e pubblicità, promuovendo un' azione propagandistica paragonata a quella utilizzata da Hitler durante la seconda guerra mondiale, così come fu fatto anche dai Croati che durante il conflitto controllarono gran parte della propaganda locale della Bosnia.

 

Nel 1993 intervennero nella guerra anche  i Caschi blu dell' Onu, per favorire la tregua tra i Bosgnacchi e i Serbi, ma  in realtà l' ONU intervenne solo dal punto di vista umanitario e non fu imparziale da quello politico, lasciando la popolazione in guerra senza intervenire negli scontri. La guerra ebbe fine, infatti, solo nel 1995 con gli accordi di Dayton, basati sul rispetto della pace tra le diverse etnie, che sancirono la nascita di una nuova Bosnia, in cui i territori furono, però, divisi in una Repubblica Serba e una Federazione Croato-Bosniaca, divisa in dieci cantoni, abitati in parte da Croati, in parte da Musulmani e solo in un cantone si ebbe popolazione “veramente” mista.

Negli anni Novanta è stato anche istituito il Tribunale Penale Internazionale per l’ex-Jugoslavia, voluto dall’ ONU per processare gli attori del conflitto e della pulizia etnica, ma le due decisioni sono spesso soggette a controversie, a causa delle diverse testimonianze dichiarate dalle fazioni.

 

Questo accade perché ancora oggi  la popolazione della Bosnia è divisa e a dividerla, anche questa volta, è una forza che proviene dall'alto. Un esempio significativo può essere fornito da un semplice pacchetto di sigarette, come la maggior parte di quelli che  circolano nelle città: la scritta “il fumo uccide” viene riportata tre volte per distinguere le tre diverse lingue, nonostante la frase sia identica nelle prime due e si differenzi solo per l’alfabeto nella terza. Inoltre oggi agli studenti della Bosnia è nascosta la guerra. Non viene detto, per esempio, ai giovani della Repubblica serba bosniaca che il conflitto è iniziato con l' attacco dei Serbi, ma al contrario che è stata colpa di una guerra civile e che non c'è stato nessun genocidio a Srebrenica. Gli studenti bosgnacchi della Federazione croato- bosniaca imparano invece che la Bosnia ha subito l' aggressione della Serbia e conoscono il genocidio, ma non i crimini di guerra della polizia contro serbi e croati. Le scuole sono divise tra i cantoni, hanno anche programmi di studio diversi e gli studenti non si incontrano mai.

 

Dal 1991la popolazione è spaccata e quella che nel 1995 è stata definita una pace, in realtà non lo è stata affatto perché in Bosnia la guerra non è mai finita ed ancora oggi tormenta gli animi delle persone, corrose da quell'odio che è stato insinuato da forze maggiori. I governi di tutte le fazioni coinvolte avevano interesse a spezzare i legami che tenevano unito il popolo, così come l' Europa e gli stati Uniti che, nonostante oggi fingano che la guerra sia terminata,  intervennero nel conflitto, schierandosi da una parte e dall'altra dello scontro, a seconda della convenienza, spacciandosi per riappacificatori che in realtà non fecero niente di concreto per cambiare le cose. Ma perché?

 

Il motivo di tutto questo ancora oggi non lo sappiamo, e forse mai lo sapremo poiché, come in tutte le guerre, alla fine le vere cause e i veri colpevoli rimangono nascosti sotto una montagna di accuse reciproche ed informazioni contraddittorie. Quello che sappiamo di certo è che la situazione in Bosnia non è risolta come ci vogliono far credere e che c'è ancora tra il popolo chi cerca giustizia e spiegazione per le vittime innocenti che sono state uccise nella speranza che prima o poi la pace arriverà anche per loro. Così, andare in Bosnia significa sostenere queste popolazioni, ma anche far nascere o crescere la speranza che non verrà dimenticato il sacrificio di tante vittime innocenti. 

 

 

 

 

 

 


Lucia Baldini

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento