mercoledì 15 luglio 2020

E' l'estate del nostro Appennino

Itinerari slow tra Romagna e Toscana

Da uno dei siti per le prenotazioni: "Questa la situazione dei B&B: nella prima settimana di luglio abbiamo registrato prenotazioni per 1.291.597€ rispetto ai 569.336€ dello scorso anno.

All'interno delle celebrazioni per i 700 anni di Dante nel 20121, arriva un progetto particolarmente "intelligente" e "rivoluzionario" rispetto alle statistiche italiane sul turismo, che mette in evidenza itinerari a piedi, in bici, in treno (il Treno di Dante Ravenna-Firenze) per un turismo sostenibile e leva di sviluppo locale: "Le vie di Dante tra Romagna e Toscana".

Chiaro il riferimento alle due città dantesche, Firenze e Ravenna e alle linee dirette che le unisce attraverso l'Appennino: Borgo San Lorenzo - Crespino del Lamone - Marradi - Brisighella -Faenza).

La proposta è già stata deliberata dalla Città Metropolitana di Firenze ed ha trovato adesioni nei comuni romagnoli e toscani uniti.

Lo ha presentato Tommaso Triberti consigliere della Città Metropolitana e Sindaco di Marradi: "Saranno individuati e messi in rete i cammini e le modalità per percorrerli per promuovere e intercettare nuovi flussi turistici in particolare nelle aree interne".

I Comuni dell'intesa hanno già avviato con gli operatori dei vari territori la promozione di un "sistema di prodotti turistici con particolare attenzione alle forme non motorizzate come il treno della linea faentina".

"Una svolta turistica di turismo lento, canale tra i più interessanti per la ripresa economica a breve termine".

Lo Stesso Ministero per i Beni e le attività culturali e il Turismo ha sollecitato un'iniziativa di coordinamento delle Amministrazioni locali attraversate dai percorsi di Dante in vista del settecentenario.

La delibera gode dell'appoggio di tutte le forze politiche.


Arrigo Antonellini

B&B e Circolo La ginestra di Crespino del Lamone

rigo.antonellini@gmail.com


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento