mercoledì 5 agosto 2020

Bagnacavallo abbassa la Tari del 24 per cento per le utenze non domestiche

Le altre agevolazoni dello sforzo del Comune

Per l'Imu è prevista una moratoria per l'acconto di giugno senza sanzioni e interessi per versamenti eseguiti entro il 16 ottobre.

Vi è poi l'assimiliazione ad abitazione principale dell'alloggio posseduto dagli anziani ricoverati che hanno preso residenza in istituti di ricoveri/sanitari e per gli immobili di enti del terzo settore in comodato al comune. Viene inoltre confermata l'aliquota zero per fabbricati "beni merci". destinati cioè dall'impresa proprietaria alla vendita, per agevolare il recupero del centro storico. Viene infine abbattuta del 50% l'imu per aree edificabili sottoposte a vincolo in vista di un futuro esproprio. Sono ampliate le possibilità di rateazione.

Per la Tari per le utenze domestiche vengono inalterate le tariffe prevedendo un fondo per aiutare le famiglie in situazioni di disagio.

Per le utenze non domestiche si arriva ad una tariffa inferiore in media del 24%, con una differenziazione per tipo di attività in base al periodo di chiusura che si è verificata. 

Per tutti poi sono state differite al 30 settembre le scadenze previste in maggio e giugno della prima rata della Tari, così come dell'imposta sulla pubblicità.

Relativamente al Canone per l'occupazione di suolo pubblico è prevista l'esenzione per i mercati o altre forme di commercio, in specifiche situazioni, per promuovere iniziative di carattere commerciale di interesse pubblico.



Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento