giovedì 6 agosto 2020

I lavoratori della sanità chiedono il rinnovo del contratto

Scaduto da 14 anni



Silvia Zamboni, Vice Presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna e capogruppo di Europa Verde e Paolo Galletti, co-portavoce regionale dei Verdi/Europa Verde Emilia-Romagna: “Inaccettabile il mancato rinnovo del contratto nella sanità privata tanto più se convenzionata con il sistema sanitario pubblico regionale. Chiediamo alla Regione di intervenire a sostegno dei lavoratori”.


In questi giorni i sindacati dei lavoratori della sanità privata sono impegnati in presidi davanti a Villa Erbosa a Bologna e a Villa Maria Cecilia Hospital a Cotignola - due espressioni della sanità privata convenzionata con il pubblico - per sollecitare il rinnovo dei contratti di lavoro scaduti da quattordici anni.

“Risulta politicamente e socialmente inaccettabile che la sanità privata convenzionata, che riceve dal pubblico gran parte delle sue risorse, non abbia, da ben quattordici anni, rinnovato i contratti di lavoro. Questo in una Regione che nel suo programma mette la sanità pubblica al primo posto ma per una parte di prestazioni fornite ai cittadini ricorre al privato convenzionato, che anche come tale non può  sottrarsi al rispetto dei diritti sindacali dei dipendenti. 


Per non parlare del riconoscimento di Istituto di ricerca, ricovero e cura di carattere scientifico (IRCSS) al gruppo Villa Maria Cecilia Hospital, proposto dalla Regione e fortunatamente non ancora concesso dal Ministro competente. Un riconoscimento da sempre osteggiato dai Verdi/Europa Verde Emilia-Romagna perché sottrarrebbe alla sanità pubblica fondi da destinare alla ricerca di un gruppo privato che ovviamente tra i propri obiettivi ha anche il perseguimento del profitto.


E' indispensabile che nelle convenzioni con la sanità privata sia previsto il rispetto dei diritti sindacali dei lavoratori, il primo dei quali attiene al rinnovo periodico dei contratti di lavoro. Chiediamo quindi all'assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini e al presidente della Regione Stefano Bonaccini di intervenire con urgenza per porre fine a questa inaccettabile situazione, certi che anche a loro il mancato rinnovo dei contratti scaduti da ben 14 anni appaia insostenibile”, affermano Silvia Zamboni Vice Presidente Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna e capogruppo di Europa Verde e Paolo Galletti co-portavoce Verdi/Europa Verde Emilia-Romagna.


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento