martedì 6 ottobre 2020

La poesia del martedì

 In sti mis

di  ILVA  FIORI

In sti miş u ié i terôrizé, i trèst, i’anşiuş

qui chi fa cônt gnit parchè iè di otimèşta

e i crēd d’avé di brêv suldé

che i difènd cóma c’us sdev.

E pù u ié i fatalésta, chi diş s’um tòca a me

avdiré quel che ȥuȥéd, ia pù truvè

la mingéna cl’as pô curè e un’è dét ca şbagajegna.


Me, dal völt asò tra gl’otimèşta

e a pruv a calmê i narvuş

ch’in sa côma fê a sintì tót c’al nuteȥi

che un dè i diş un cvël

e dè dòp e su cuntrêri.

In’a sa, i dis, che i vëcc

cun e témp i dventa şenşèbil e i stà mêl par lô

par i fiùl, i’ anvùd e nénc par e Paēş.


E se tóta sta ȥént l’an lavôra, i penşa

cóma us faràl a paghé e dëbit italiê

e la sanitê e lo “stato sociale”?

Sta d’avdé che cvând asré avsé a la fén

piotòst che curêş is darà na “pastiglina”

e is dirà: “e ora, via andare”…


IN QUESTI MESI

In questi mesi ci sono i terrorizzati, i tristi, gli ansiosi
chi fa finta di niente perché sono degli ottimisti
e credono di avere dei bravi soldati
che li difendono come si deve.
E poi ci sono i fatalisti, che dicono se tocca a me
vedremo cosa succede, hanno pur trovato
la medicina che ci può curare e non è detto che moriremo.
Io delle volte sono tra gli ottimisti
e provo a calmare i nervosi
che non sanno come fare a sentire tutte quelle notizie

che un giorno dicono una cosa
e il giorno dopo il suo contrario.
Non lo sanno, dicono, che i vecchi
col tempo diventano sensibili e stanno male per se stessi
per i figli, i nipoti e anche per il Paese.
E se tutta questa gente non lavora, pensano
come si farà a pagare il debito italiano
e la sanità e lo stato sociale?
Sta a vedere che quando saremo vicino alla fine
piuttosto che curarci ci daranno una pastiglina e ci diranno; "Ora via ...andare"

Ilva Fiori


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento