La poesia del martedì

 Nénc

di Ilva Fiori 

Aşè
nénc aşré, e tót aşè pió trèst

parchè
la fiducia la sta calênd

epu
ann’in putē piò

d’sintì
ciacarè sol de virus.

Basta,
laşìs un pô stè

par
fè cônt, nénc sôl par un dè

cun’isea
piò gnit

fura
ad ca a stê ad aştês

par
fês paura, cóma da ȥnì

is
cuntéva, par fès stê bôn.

Mo
incù quest l’è un sógn

e
quând e ȥuȥidrà

a’snadarê
par pöc, parchè tót nô

a
truvê sèmpar da dì

e
ans’è mai pacifiché.

 e non ne possiamo più di sentir parlare solo del virusDi nuovo chiusi , e più tristi perchè la fiducia sta diminuendo.Basta lasciateci stare un po’, per fingere, anche solo per un giorno, che non ci sia più nulla fuori casa ad aspettarci, per farci paura, come da piccoli ci raccontavano per farci stare buoni.

Ma oggi questo è un sogno e quando accadrà ce ne accorgeremo per poco, perchè tutti noi troviamo sempre da ridire e non siamo mai in pace.

Ilva  Fiori

Ultime Notizie

Rubriche