martedì 17 novembre 2020

Curare il covid a casa salva malati e ospedali

Lo propongono i Verdi

L'intensificarsi della pandemia anche in Emilia Romagna richiede urgenti misure straordinarie
per tutelare i malati e per evitare di rendere sovraccarichi ed ingestibili gli ospedali.

Solo la medicina del territorio e le cure domiciliari possono aiutare davvero ad evitare il disastro.

L'importante compito svolto dalle USCA ( Unità Speciali Continuità Assistenziale) istituite in marzo dal Governo ed attive nella nostra regione in numero di 81 è stato determinante nella prima fase della pandemia.

Purtroppo dalla risposta dell'Assessore Donini alla consigliera dei Verdi Silvia Zamboni abbiamo appreso che oggi le USCA sono ridotte a 60.

L'Assessore si è impegnato a potenziarle a controlleremo il mantenimento di questo impegno
sottolineando che le USCA nella nostra Regione , per rispettare il parametro di una ogni 50 mila abitanti previsto dalla legge, dovrebbero essere almeno 90.

In questa seconda fase queste unità ,composte da medici e infermieri equipaggiati con dotazioni adeguate e medicinali che si recano a casa dei malati e li seguono durante il decorso della malattia, devono essere rapidamente potenziate per affrontare l'intensificarsi dei contagi.

Con il duplice obiettivo di salvare vite umane , affrontando la malattia dai primi sintomi, e di salvare gli ospedali da un sovraccarico non gestibile di malati, riservando ai casi più gravi le cure ospedaliere.

L'esperienza pregressa dimostra , vedi il caso di Piacenza dell'equipe domiciliare del dottor Paolo Cavanna, l'efficacia delle cure continuative a domicilio: solo il 5 per cento dei suoi assistiti ( 330) , fino ad agosto,è finito in ospedale e nessuno è deceduto.

La Regione si attivi rapidamente per raddoppiare le USCA dotandole di tutti i mezzi necessari per operare con efficacia e sicurezza.

Questa misura, insieme con il potenziamento degli hotel riservati ai malati di Covid che devono stare in isolamento e non possono farlo nella propria abitazione , possono davvero fare la differenza nel modo di affrontare la Pandemia.

Paolo Galletti
co portavoce Federazione dei Verdi -Europa Verde ,Emilia -Romagna

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento