La poesia del martedì

 NUSTALGE’A

di  Ilva Fiori

 

Adëş
c’asò in penşiôn

a
fèg la vuluntêria, a scriv

mo
un’è pió côma na völta

cvând
a lavurêva e am sintéva


pêrt de mónd, nénc par migliurêl

cóma
um piaşēva pinşè.

Adëş
a guerd qui’ch lavôra

e
aiò nustalgèa nénc dla fadiga

inşé
a e témp c’lè paş,

e
am cmènd s’lè servì quèl c’aiò fat.

S’a
posi fê par şintìm

incôra
in te froll, am cmènd

parchè
an poss guardè a e pasè

e
an poş pinşè soltânt

a
la pöca vita c’aiò avanȥê.

Um
tóca andè avâti dé par dé

e
fè cónt che la strê la sèa infinida.

Adesso
che sono in pensione

faccio
la volontaria, scrivo

ma
non è più come una volta

quando
lavoravo e mi sentivo

far
parte del mondo anche per migliorarlo

come
mi piaceva pensare.

Adesso
guardo chi lavora

e
ho nostalgia anche della fatica

assieme
al tempo che è passato

e
mi chiedo se è servito quel che ho fatto.

Cosa
posso fare per sentirmi

ancora
nel frullo, mi chiedo

perché
non posso pensare soltanto

alla
poca vita che mi avanza.

Mi
tocca andare avanti giorno per giorno

e
far finta che la strada sia infinita.

Ilva Fiori

Ultime Notizie

Rubriche