sabato 19 dicembre 2020

E chiudiamo la settimana con il pluripremiato poeta dialettale Ponseggi

 Franco Ponseggi

  www.ponseggi.it


Coronavirus.


Cun ste vìrus dla curõna
bšögna pröpi avé furtõna,
ch’u-n gn’è cura nè midgẽna
e u-s fines in cvarantẽna!
Cvest l’è un vìrus ch’u-n pardõna,
a sperẽn ch’la-s véga bõna!
Da la Cina l’è arivê
e l’Itaglia l’à infetê.
E sta grãnda malateja,
che l’è dvẽnta epidemeja,
l’è cminzêda int un marchê
pi d rubaza e pi d ciustê,
röb ch’i mãgna sti ciniš,
s’a stašẽn a cvel ch’i diš,
sorg e vóip e pu sarpẽnt,
ghët e chẽn, naturalmẽnt,
e pes crud e cucudrel
e prinfèna i barbastrel.
L’è da cvist ch’l’è vnuda fura
tota cvãnta sta siagura,
che, magnèndi, un cvelcadõn
u s’è ciap pu st’infeziõn
e pu dop l’à cuntagê
tota cvãnta la zitê.
In pôc tẽmp l’è ariv a cva
e tot cvènt a sẽn sré in ca.
Par ste vìrus dla curõna,
cun e’ sól o cun la lõna,
se t’é bšögn d’andê a cumprê
un pô d röba da magnê,
se ta-n vu rišghê l’arvẽna
bšögna avé la mascarẽna
ins la boca, cun i guẽnt,
racmandènds a tot i sẽnt,
e mantnì, tra j’õn e j’ étar,
la distãnza d piò d’un métar.
Se t’incõntr’ una parsõna,
cun ste vìrus dla curõna,
ta n’i pu gnãnc dê la mãn:
t’aj faré …. e’ salut rumãn!
Tot i dè in televišiõn
i fa e’ põnt dla situaziõn,

Coronavirus.


Con questo virus della corona
bisogna proprio avere fortuna,
che non c’è cura né medicina
e si finisce in quarantena!
Questo è un virus che non perdona,
speriamo che ci vada buona!
Dalla Cina è arrivato
e l’Italia ha infettato.
E questa grande malattia,
che è diventata epidemia,
è cominciata in un mercato
pieno di robaccia e pieno di sporcizia,
cose che mangiano questi cinesi,
se stiamo a quello che dicono,
topi e volpi e poi serpenti,
gatti e cani naturalmente,
e pesce crudo e coccodrilli
e persino i pipistrelli.
È da questi che è venuta fuori
tutta quanta questa sciagura,
che, mangiandoli, qualcuno
si è preso poi quest’infezione
e poi dopo ha contagiato
tutta quanta la città.
In poco tempo è arrivato qua
e tutti quanti siamo chiusi in casa.
Per questo viris della corona,
con il sole o con la luna,
se hai bisogno di andare a comprare
un po’ di roba da mangiare,
se non vuoi rischiare la rovina
bisogna avere la mascherina
sulla bocca, con i guanti,
raccomandandosi a tutti i santi,
e mantenere, tra gli uni e gli altri,
la distanza di più di un metro.
Se incontri una persona,
con questo virus della corona,
non gli puoi neanche dare la mano:
gli farai …. il saluto romano!
Tutti i giorni in televisione
fanno il punto della situazione,

Franco Ponseggi

 www.ponseggi.it


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento