AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

martedì 1 dicembre 2020

La poesia del martedì

 

La giòstra

di Roberto Pontoni


Cun e’ surìṡ e ’na faza ch’ sugnēva

da i sôn e dal luṡ u s lasēva tirê’,

e in cal nöt e’ babèn u s pirdēva

e int un mónd divērs u s lasēva purtê’.


In sëla a un caval biânc e’ curēva,

l’arvēva al braza coma par vulê’

e a ócc asrē u s abandunēva

a cl’ëria ch’ l’a l parēva carizê’.


Una machìna, un treno, un landó,

ognô l’avēva ’na störia da cuntê’

a cagl’j ómbar in pì, fērmi a gvardê’.


Cla muṡica dôlza l’a n s sintēva pió,

e’ babèn l’arstēva fērum a ’spitê’,

cun do munēd in mân, pr’arturnê’ a sugnê’.

 

La giostra


Con il sorriso e un’espressione sognante

si lasciava attirare dai suoni e dalle luci,

e in quelle note il bimbo si perdeva

e in un mondo diverso si lasciava portare.


Correva in sella a un cavallo bianco,

apriva le braccia come per prendere il volo

e ad occhi chiusi si abbandonava

a quell’aria che sembrava accarezzarlo.


Un’auto, un treno, una carrozza,

ognuno con una storia da raccontare

a quelle ombre in piedi, ferme a guardare.


Quella musica dolce non si sentiva più,

ma il bimbo se ne stava immobile ad aspettare,

con due monete in mano per ritornare a sognare.

Roberto Pontoni

 







Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento