AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

martedì 29 dicembre 2020

Programmazione strategica della Bassa Romagna

 

Ultima seduta della Giunta
 Sostegno alle imprese, promozione del territorio, finanziamenti europei legati al nuovo ciclo di programmazione 2021-2027, sostenibilità ambientale e innovazione digitale: sono questi i principali temi affrontati dalla giunta dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna nel corso della seduta di fine anno, tenutasi il 24 dicembre.

Il 2021 sarà un anno importante, pieno di sfide ma anche di opportunità per il nostro territorio, come ad esempio l’arrivo di nuovi fondi comunitari legati sia al Recovery fund che al ciclo di programmazione europea - ha dichiarato Eleonora Proni,presidente dell'Unione -Per questo vogliamo presentarci pronti, puntando sulla costruzione di strategie spendibili nel concreto"

 L'obiettivo ora è quello di tracciare i principali percorsi di sviluppo del territorio dei prossimi mesi e anni.
L'Unione dei Comuni infatti si è dotata di un vero e proprio piano di promozione del territorio, strumento per tradurre in azioni le linee di indirizzo politico.
Tre le direttrici principali su cui si articola il piano: il marketing per le attività produttive (promozione delle attività commerciali di prossimità - reti di impresa - valorizzazione delle aree artigianali e degli insediamenti produttivi sia per chi già opera nel territorio che per futuri investimenti), promozione turistica e culturale (itinerari, eventi, mostre) e sostenibilità ambientale (il progetto Futuro Green traghettato agli obiettivi dell'Agenda 2030)
 Il piano di promozione territoriale - conclude la presidente Proni - cercherà di tradurre la vocazione e l'identità del nostro territorio in progettualità concrete che andranno a intercettare i finanziamenti europei e regionali dove la transizione digitale e quella ecologica saranno le parole chiave della ripresa del sistema economico europeo"







Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento