AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

giovedì 3 dicembre 2020

Tornano gli aiuti del fondo alimentare

Un amico di Conselice ci scrive le sue perplessità


Sono stata contattata da un amico di Conselice, Gianni F., tampone positivo, come pure la moglie e i tre figli. Sgomento iniziale, poi un primo tentativo di gestire la situazione, la pagina Fb del comune e della sindaca, Paola Pula.

"Tornano gli aiuti del fondo alimentare ed esiste un numero per il sostegno di chi è in quarantena", un barlume di speranza. Infatti dal lunedì al venerdì è possibile chiamare al mattino lo 0545 38288.

Nel giro di un giorno è arrivato un pacco, che sarà da pagare fra un mese circa con un bollettino.

 



 
Il fondo umanitario, mi scrive lui, è quindi solo la gratuità della consegna, ma fra mal di testa, brividi, e ossa rotte non ha la forza di indagare. Poi, sottolinea, chi è in quarantena dovrebbe ricevere anche disinfettanti per la casa, e magari mascherine per quando potrà di nuovo uscire. E conclude: " i fondi umanitari erano solo per portarti la spesa a casa, che diavolo"

Non c'è risposta da parte di chi un anno fa portava la spesa gratis con i volontari del Tondo, Ausilio per la spesa. Sono situazioni allucinanti. Mala tempora currunt.

Lucia Baldini 

Post scriptum: mentre scrivo arriva un altro messaggio con cui mi Gianni comunica che, visto che nessuno della famiglia può uscire per andare a portare i rifiuti nel cassonetto, il comune si sta attivando per il ritiro davanti a casa. Un piccolo conforto, ma importante, quello che Pessoa avrebbe chiamato un sorriso di magia alla finestra del mondo


Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento