AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

giovedì 17 dicembre 2020

Unione: impianti di videosorveglianza, "la Bassa Romagna tra i territori più avanzati"

Il sindaco Daniele Bassi replica alle affermazioni del consigliere di minoranza Davide Solaroli 



Il sindaco Daniele Bassi, referente per la Sicurezza dell'Unione dei Comuni della Bassa Romagna, interviene per correggere le dichiarazioni rilasciate tramite i social dal consigliere del Comune di Lugo Davide Solaroli.
"A seguito del recente stanziamento di risorse regionali per l'installazione di nuovi impianti videosorveglianza, il consigliere di minoranza Solaroli ha evidenziato in modo scomposto e approssimativo l'assenza della Bassa Romagna tra i beneficiari di tali contributi. 

Ricordiamo che la Bassa Romagna da tempo ha rafforzato i propri dispositivi di videosorveglianza: nel 2018 è stato siglato con la Prefettura il Patto per la sicurezza, uno dei primi in Regione, a cui ha fatto seguito uno specifico accordo per la sua attuazione, partendo proprio dal rafforzamento della videosorveglianza (anche con contributi statali), portando da 232 a 324 (con un aumento del 29%) le videocamere installate dai nove comuni dell'Unione.

Inoltre, abbiamo investito 250mila euro per l'installazione di 17 varchi, da tempo attivi, che stanno producendo preziosi esiti di deterrenza, prevenzione e repressione di episodi malavitosi. I fondi stanziati ora dalla Regione Emilia-Romagna servono per permettere ad altri territori di raggiungere standard di sicurezza che la Bassa Romagna ha già acquisito".


"Aggiungo che un consigliere comunale, nell'esercitare il proprio ruolo, avrebbe il dovere di informarsi in maniera accurata e completa prima di rilasciare dichiarazioni pubbliche - conclude il sindaco Bassi -. Questo per il rispetto non degli avversari politici, ma dell'istituzione che si rappresenta, nonché dei cittadini, che hanno il diritto di essere informati con correttezza e precisione, specialmente in un momento complicato come l'attuale, in cui tutti (indipendentemente dai ruoli esercitati) siamo chiamati alla maggior consapevolezza e senso di responsabilità più elevati possibile"

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento