AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

mercoledì 24 marzo 2021

LE MIE ROSE INGLESI E LA LORO ORIGINE

di Valentina Bordini

  IBRIDI  DI  ROSA  ALBA  INGLESE

Questo è il gruppo più nuovo all'interno delle Rose Inglesi, un po' distante dagli altri gruppi. E' anche il gruppo su cui si stanno concentrando di più le nuove ibridazioni di Austin, spinti un po' dal fatto che molti criticavano le ultime produzioni come "un po' tutte uguali"

La differenza, dicevamo, sta nel fatto che queste rose si avvicinano molto, nella loro crescita, alle Rose Selvatiche. Alla loro origine stanno gli incroci tra le Rose Alba e altre Rose Inglesi. Hanno uno sviluppo leggero e arioso. I colori, per il momento, sono solo il rosa nelle sue svariate gradazioni. I fiori sono molto delicati. Purtroppo non ho nessuna Rosa Inglese appartenente a questo gruppo.

Nella foto: The Lady Blush


 

Però ci sono alcune Rose Inglesi che non si possono ricondurre a nessuno dei quattro gruppi illustrati. L'Azienda David Austin, infatti, come possiamo giustamente immaginare, conduce esperimenti e ibridazioni utilizzando una enorme varietà di "genitori", pertanto è inevitabile che qualche rosa non si adatti a nessuna delle 4 famiglie di Rose Inglesi. Io possiedo una di queste rose "fuori dagli schemi"


 


THOMAS  A'  BECKET

(http://valentinaelesuerose.blogspot.com/p/rosa-n-70.html)

E' una rosa che, nelle sue caratteristiche, si avvicina molto alle Rose Selvatiche, con una crescita più naturale e arbustiva .A dire il vero, mi viene da chiamarla "la mia rosa SPINTACIONA" (dal dialetto romagnolo con il significato di "spettinato"). I fiori sono rosette poco profonde, di colore cremisi, con un fortissimo profumo di ROSA ANTICA, con accenti di scorza di limone

Valentina  Bordini
 



Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento