AVVISO

Ci scusiamo con i lettori e gli inserzionisti se nei seguenti giorni il giornale uscirà in forma ridotta, stiamo cercando di ripristinare al più presto il servizio. Vi invitiamo a contattarci per collaborazioni o segnalazioni alla seguente email: pavaglioneagenda@gmail.com

giovedì 22 aprile 2021

Umberto Folli o Giuseppe Sangiorgi?

Il ritrovamento di Romolo e Remo pone un problema. di Guido Neri

 A Massa Lombarda si discute se Romolo e Remo devono essere ricongiunti alla lupa sul monumento ai caduti nel piazzale del cimitero oppure no.

Ci sono buone ragioni per l'una e per l'altra soluzione. Umberto Folli che progettò il monumento decise che la lupa etrusca non aveva niente a che fare con i gemelli romani e quindi scartò Romolo e Remo che finirono dove li ha trovati Decio Testi (vedi Giornale di Massa).


In effetti la Lupa Capitolina è un bronzo che risale al. 500 a.C., e si trova presso il Museo dei Conservatori, Roma.
Le figure di Romolo e Remo sono invece un'integrazione della seconda metà del XV secolo, realizzati da Antonio Pollaiolo.
Però facciamo un passo indietro. Il massese Giuseppe Sangiorgi famoso antiquario romano, benemerito a Massa per l'asilo Pueris Sacrum e per la Casa del Pane, quando seppe della costruzione del Parco della Rimembranza, ottenne di poter fare e usare un calco della lupa capitolina, fece fare la fusione e la regalò a Massa che la collocò su un'ara in fondo al Parco.
Ora se dobbiamo tener fede a Folli lasciamo le cose come stanno, ma se vogliamo tener per buona la volontà di Sangiorni, allora i due gemelli vanno rimessi sotto la lupa.
Guido Neri

Stampa questo articolo

Nessun commento:

Posta un commento