Un weekend nel lughese alla ricerca della bellezza

Il Gruppo FAI di Lugo partecipa alle Giornate FAI (Fondo per l’Ambiente Italiano) di Primavera, un classico ed imperdibile appuntamento che quest’anno cade nel week and del 26 e 27 marzo. A questa importante occasione di riscoperta del patrimonio artistico, culturale, storico e paesaggistico del territorio con alcune interessanti iniziative.

Il primo appuntamento sarà alla Pieve di Campanile a Santa Maria in Fabriago. Suggestivo monumento isolato nella pianura al di là del fiume Santerno, costituito da un campanile risalente ai primi anni dell’undicesimo secolo e giunto fino a noi praticamente intatto, e dalla chiesa attuale a pianta rettangolare, ad unica navata, risalente all’inizio del 1500, costruita sopra i resti di una antica pieve a tre navate in tipico stile ravennate, (completamente distrutta dalle inondazioni del fiume Santerno e della cui esistenza ci sono attestazioni fin dal X° secolo).
A fare da guida, come ogni anno, saranno i ragazzi “Apprendisti Ciceroni” di una classe del Liceo di Lugo. Durante la visita vi racconteranno il significato, il valore architettonico e la storia di questo monumento, che si erge attualmente isolato nella campagna, testimone di come gli eventi idrogeologici ( i ripetuti straripamenti del fiume Santerno durante il medioevo) abbiano modificato l’organizzazione territoriale, costringendo le popolazioni residenti ad adeguare la loro vita ai mutamenti ambientali.

Il secondo appuntamento a Budrio di Cotignola, presso la “Palazza”. Casa colonica miracolosamente uscita indenne dagli eventi bellici del fronte sul Senio che hanno causato la pressoché totale distruzione dell’abitato di Cotignola e dintorni.
I proprietari vi hanno raccolto una numerosa serie di oggetti , arredi e documenti del secolo scorso, testimoni delle nostre radici, facendone così un centro per la salvaguardia della memoria condivisa ed utili per l’organizzazioni di mostre tematiche che, di volta in volta, riportandoci indietro negli anni, ci guidano alla riscoperta della nostra identità.
Qui, in anteprima Venerdì 25 marzo, sarà inaugurata dalle autorità locali, e con il contributo di altri collezionisti (Vincenzo Collina tra i primi), una mostra dal titolo significativo: La bicicletta in Romagna tra letteratura, ambiente, turismo e lavoro. Oltre a questa mostra, sabato 26 e domenica 27, potrete essere guidati dai proprietari alla scoperta di una serie di oggetti legati al riciclo e al recupero di materiali bellici per gli usi civili, che ci mostrano la genialità e l’operosità di artigiani e contadini che nell’immediato dopoguerra, spinti dalla necessità, utilizzando i più disparati strumenti bellici abbandonati lungo la linea del fronte, hanno creato attrezzi o mezzi agricoli per gli usi quotidiani. Qui ancora potrete sperimentare tra musica ed aperitivi la grande ospitalità della famiglia Zalambani.

Info:
Pieve di Campanile
Via S. Maria in Fabriago, 12, Campanile (Lugo)
Orari: sabato 26 marzo ore 14:30-17:30; domenica 27 marzo ore 9:30-12:30 e 14:30-17:30

La Palazza
Via Gaggio, 7, Budrio di Cotignola
Orari: sabato 26 e domenica 27 ore 10:30-12:30 e 15:30-17:30

Ultime Notizie

Rubriche