Bagnara ricorda un’antica promessa: torna la Festa del Voto

Bagnara torna a vivere una delle festività più sentite. Parliamo della Festa del Voto che si svolgerà dal 28 al 31 luglio, iniziativa figlia della devozione popolare divenuta nel corso degli anni anche un appuntamento cittadino.
Ma come ricorda don Pierpaolo Martignani, arciprete della Parrocchia dei Santi Giovanni e Andrera Apostolo, con questa festa si vuole manifestare «la nostra riconoscenza alla Madre del cielo per la sua protezione verso la nostra comunità».
«Agli occhi di qualcuno può sembrare una festa anacronistica (sono passati secoli dal Voto pubblico, dalla promessa che fece allora la comunità bagnarese alla Vergine dopo essere stata risparmiata dalla peste) – scrive il sacerdote – ; agli occhi di altri può sembrare solo una sagra paesana, un’occasione per far qualcosa nelle calde sere estive. Celebrare la Festa del Voto, oltre che essere un dovere (le promesse vanno mantenute!), è anche un auspicio e una richiesta alla Vergine di continuare a proteggere la nostra comunità bagnarese e l’umanità intera dai mali che ci affliggono: l’indifferenza religiosa, la discordia, l’individualismo, la guerra, la pandemia, la siccità. La Vergine Santa ottenga il risveglio della fede nel cuore di tutti e ci aiuti a camminare insieme nella speranza e nella gioia».
Il programma religioso prevede per giovedì 28 il santo Rosario alle 19.30 sull’argine del fiume e a seguire (alle 20) la santa messa; venerdì 29 ci si sposta al cimitero per il Rosario e la santa messa (agli stessi orari); sabato 30 nella chiesa arcipretale Rosario alle 18.30 e santa messa alle 20. Domenica 31 sante messe nella chiesa arcipretale alle 9 e alle 11 (messa solenne).
Tra le iniziative della festa della “smena de Vot” (settimana del Voto), come ci spiega il presidente della Pro Loco Mattia Galli, «la novità più bella rispetto allo scorso anno è il ritorno delle giostre non “nelle fossa” (fossato), ma in piazza IV novembre e un piacevole ritorno del XXXV Motoraduno del Moto Club Caterina Sforza dalla domenica mattina alle 7.30». Senza dimenticare gli stand per mangiare e bere in compagnia. A ridosso della Rocca, monumento simbolo di Bagnara, ci sarà un altro punto degustazione con vini dall’Italia, trampolino per la mostra in sala consiliare dedicata ad Anna Lolli, musa del maestro Pietro Mascagni. «In piazza Marconi, unitamente ai ristoranti, al bar e alla gelateria, avremo una sfilata di moda venerdì sera, lo spettacolo ArteMakìa di Milo Scotton, ovvero un nuovo modo di intendere l’arte circense, ed infine, per rispondere ai diversi gusti, una serata dedicata alla tradizione con l’Orchestra La storia di Romagna».


Courtesy of Il Nuovo Diario Messaggero

Ultime Notizie

Rubriche