Se siamo liberi oggi è perché qualcuno ha lottato per noi

Dalla paralisi in Australia alla laurea a Londra, dopo neppure dieci mesi dal gravissimo incidente del febbraio scorso.

A inizio anno era a Melbourne con gli amici, studenti della Bocconi per un Erasmus. Ma la mattina del 23 febbraio Leonardo Lotto, studente di 24 anni di Aosta, è rimasto vittima di un incidente in mare. Si stava divertendo con i colleghi e amici, quando dopo un tuffo tra le onde sul bagnasciuga ha picchiato violentemente la testa contro il fondale di sabbia. In quel momento comincia l’incubo: gli amici lo aiutano a uscire dall’acqua, poi la corsa in ospedale. Dopo l’intervento d’urgenza, i medici gli confermano la frattura delle vertebre C3 e C5 con la rottura della spina dorsale: è paralizzato dal tronco in giù e non potrà più camminare.

Leonardo è riuscito in una impresa non facile: completare i due esami che gli mancavano per il Master in management e laurearsi a Londra a 24 anni. Un giorno straordinario per Leonardo che è stato acclamato dalla platea di professori e laureandi del Cems (The Global Alliance in Management Education), che riunisce i migliori studenti del mondo del Master in International Management. Al centro del palco sulla sedia a rotelle, Leonardo ha tenuto un discorso potente, emozionante che ha commosso tutti.

Standing ovation e applausi interminabili per questo ragazzo dalla forza incredibile.

Eco le parole più importanti del suo discorso:

“Inizio col ringraziare i miei genitori, mia madre, mio padre. Siete voi gli eroi. Abbiamo già vinto tanto, stiamo vincendo tanto insieme. Mi date forza e coraggio, niente può spiegare sufficientemente quanto vi sia grato. Voi siete i miei supereroi.

Mi rivolgo a tutti voi del Cems che non siete solo i migliori colleghi, i migliori studenti e manager nel mondo. Voi avete una cosa così speciale, non così ovvio di questi tempi, che si chiama empatia. E questo mi rende ottimista sul fatto che voi cambierete il mondo.

Per quelli che mi conoscevano già prima, sapete quanto fosse importante la libertà per me. E ora che l’ho persa, che ho perso la mia indipendenza e autonomia, ho capito ancor più quanto importante sia la libertà. La libertà è il valore in assoluto più importante e dobbiamo lottare per la libertà dei popoli. Se siamo liberi oggi è perché qualcuno ha lottato per noi e ci ha resi liberi. Non dimentichiamolo mai.”

Non ci sono molte parole da aggiungere, se non “Grazie Leonardo”!

 

Tiziano Conti

Ultime Notizie

Rubriche