Al via i saldi, da Confcommercio Ascom Lugo «ottimismo per le vendite»

Foto di repertorio. Isolapress

Nonostante l’incertezza e le difficoltà legate all’inflazione «siamo ottimisti per le vendite in questi imminenti saldi invernali». Per Luca Massaccesi, direttore di Confcommercio Ascom Lugo, l’avvio dei saldi invernali, previsto in regione venerdì 5 gennaio, potrebbe essere buon segnale di ripresa per gli acquisti e consumi delle famiglie.
«Questi saldi rappresentano una importante opportunità per i consumatori che potranno trovare nei negozi di moda un vasto assortimento di prodotti di qualità a prezzi convenienti, oltre al consueto ed insostituibile servizio – sottolinea Massaccesi -. Nell’ultimo mese abbiamo registrato una incoraggiante crescita di fiducia di famiglie ed imprese che va ad attenuare gli effetti negativi di una ancora elevata, seppur in calo, inflazione». Considerando anche un incoraggiante aumento degli acquisti natalizi presso i negozi di vicinato, «dalle previsioni si evidenzia una tenuta della propensione al consumo, dopo un anno complesso in cui la moda ha contribuito in maniera determinante al contenimento dell’inflazione».
Su scala nazionale, per i saldi, le previsioni parlano di 15,8 milioni di famiglie che si dedicheranno allo shopping scontato, ogni persona spenderà circa 137 euro, per un giro di affari di 4,8 miliardi di euro.

«Per quanto riguarda in particolare il settore moda – conclude Massaccesi – per sostenere la presenza di negozi nel nostro tessuto urbano è importante che si vada oltre al taglio del cuneo fiscale introducendo un’Iva agevolata sui prodotti di moda ed in particolare su quelli made in Italy, un bonus moda per l’acquisto di prodotti ecosostenibili ed un canone di locazione commerciale concordato tra locatori e conduttori per ridurre il peso degli affitti. Più in generale a livello locale ci siamo impegnati nella campagna “Compro sotto casa perché mi sento a casa”, alla quarta edizione, nata per valorizzare il ruolo di aggregatore sociale nelle città delle attività commerciali, negozi, bar ristoranti, per evidenziare il legame tra gli abitanti di un quartiere e i suoi negozi».


© Riproduzione riservata

Courtesy of Il Nuovo Diario Messaggero

Ultime Notizie

Rubriche