Raffaele Drei: «L’Europa per essere sostenibile deve puntare alla propria capacità di autoapprovvigionamento alimentare»

«Il fatto che gli agricoltori manifestino un malcontento così forte e così esteso non può essere attribuito a soli fattori contingenti dei singoli paesi. Più probabilmente è invece il frutto di una politica europea che, ormai da diversi anni, prende orientamenti sul settore agricolo senza confrontarsi con i produttori e seguendo spesso un’ideologia ambientalista espressa in modo particolare dalla Commissione Ambiente. Un indirizzo che non tiene conto dei danni che la riduzione drastica delle superfici coltivate e dei mezzi tecnici necessari all’agricoltura avrebbe sugli approvvigionamenti alimentari e sulla tenuta ambientale del nostro continente».

È il commento di Raffaele Drei, presidente di Confcooperative Fedagripesca Emilia-Romagna, a poche ore dall’annuncio dell’Unione Europea del ritiro della proposta del Sur, il regolamento sull’uso dei fitofarmaci da tempo contrastato dal sistema agricolo di tanti paesi europei e in particolare da Confcooperative Fedagripesca.

«Salutiamo positivamente il ritiro di questa proposta di regolamento che abbiamo sempre contrastato, e che in realtà segue il voto contrario al regolamento già espresso mesi fa dal Parlamento europeo in seguito alle pressioni delle associazioni agricole e cooperative. Purtroppo – aggiunge Drei – si tratta di un passaggio rimportante ma parzialeOccorre rivedere completamente la strategia dell’Europa in tema di politica agricola, una strategia che va avanti da alcuni anni e che esclude dal dibattito gli operatori del settore».

Il malessere degli agricoltori è esploso in tutta Europa e, come sottolinea il presidente di Confcooperative Fedagripesca regionale, «il fatto che ci sia un movimento così ampio non può essere attribuito esclusivamente ai problemi di oggi. Il costo del gasolio per i francesi, l’Irpef per il nostro paese o i problemi di mercato di alcune filiere sono problemi reali che oggi emergono comprensibilmente nella protesta e che fanno parte della grave difficoltà delle aziende agricole a raggiungere una sostenibilità economica. Tuttavia siamo davanti ad un problema politico ben più grave. Da anni l’Europa legifera senza nemmeno interpellare le parti in causa, gli agricoltori, tra l’altro in modo sempre più restrittivo in nome di un ambientalismo ideologico. Contrastando a prescindere l’uso di prodotti ancora oggi indispensabili per produrre: occorre comprendere che se queste politiche verranno applicate la capacità produttiva europea subirà un drastico ridimensionamento».

«Non possiamo commettere l’errore di credere all’equazione terreno non coltivato uguale terreno migliore dal punto di vista ambientale perché l’abbandono dei terreni abbiamo visto anche in Romagna cosa può generare. L’errore ancora più grave è credere che un’Europa che abdica alla propria capacità di fornire cibo al proprio continente in favore di prodotti provenienti da altri continenti sia sostenibile» evidenzia il presidente regionale.

Un altro punto da portare all’attenzione, secondo Drei, è la critica di una parte dell’opinione pubblica ai sussidi ricevuti dal settore agricolo: «Ci si dimentica purtroppo che la Pac non è nata per dare assistenza a un manipolo di agricoltori ma è nata per fornire cibo agli europei. Senza questi aiuti non avremmo avuto disponibilità di cibo in quantità e qualità. La Pac ha avuto un ruolo fondamentale e ha dato risultati importanti: talmente importanti che noi europei diamo per scontato che l’accesso al cibo sia possibile sempre e comunque. Ma è un errore di pensiero. Non dobbiamo dimenticare quanto successo nel comparto energetico, l’approvvigionamento da altri paesi non è una certezza vista la perdurante carenza alimentare di molte aree del mondo».

Confcooperative Fedagripesca in Romagna associa 94 cooperative agroalimentari, forestali e del settore della pesca per un totale di circa 18.500 soci, 15.000 persone occupate e un valore della che supera i 6 miliardi di euro.

Ultime Notizie

Rubriche