Florida ci aspetta il 21 febbraio in Sala Codazzi

Florida

Tratto da un’opera teatrale di FLORIAN ZELLER

REGIA

PHILIPPE LE GUAY

 

Sceneggiatura adattamento e dialoghi

JEROME TONNERRE
PHILIPPE LE GUAY

Interpreti

JEAN ROCHEFORT  SANDRINE KIBERLAIN 

 

Claude Lherminier, ex proprietario e dirigente di un’importante fabbrica di Annecy, ha 80 anni ma è ancora un uomo vitale. Sempre più spesso, però, gli capita di dimenticare le cose e di andare in confusione. Ma Claude si rifiuta ostinatamente di ammetterlo e sua figlia Carole, la maggiore delle sue figlie che lo ha sostituito a capo dell’azienda, cerca in ogni modo di non lasciarlo da solo. Poi, per un capriccio, Claude decide di partire da solo per la Florida per rivedere l’altra figlia che vive in America.

In “Florida” viene affrontato il tema del rapporto, più o meno difficile, tra un padre ed una figlia, e per la precisione quello che si instaura tra un padre anziano e con un incalzante demenza senile ed una figlia ormai più che adulta la quale si dedica con tutte le proprie forze e la più buona volontà alla cura del padre che con il tempo peggiora di giorno in giorno per ciò che concerne il proprio stato mentale. Parecchio autoritario ed alquanto burbero, egli rende l’esistenza difficile sia alle varie badanti che si prendono cura di lui che alla figlia stessa, la quale non solo provvede a cercargli le badanti ed a sostituirgliele ma anche a prendersi cura di lui personalmente nei weekends. La situazione degenera velocemente, l’anziano padre vuole a tutti i costi anche raggiungere la città di Miami in Florida (donde il titolo) al fine di raggiungere l’altra sua figlia. Non resterà per la donna che arrendersi all’evidenza di avere un padre ormai ingestibile e ricorrere pertanto, alla necessità finale e purtroppo inevitabile di collocarlo in una casa di cura per anziani invalidi e non più autosufficienti.

 

“Florida” del regista Philippe Le Guay affronta il difficile e delicato tema dell’invecchiamento e di rapporto fra genitori anziani e figli, con tutte le problematiche che ne conseguono.

La protagonista è una donna molto affezionata al proprio padre, per quanto questi sia ancora burbero e severo, ma è costretta piano piano a separarsene ed a porlo in una struttura qualificata per anziani disabili al fine di agire per il suo bene e procurargli una fine nella maniera più dignitosa possibile. Il padre, come tutte le persone affette da demenza senile, ovviamente non se ne rende affatto conto.

 

Ultime Notizie

Rubriche