L’angolo della poesia

La fei de viaz

Teip indrì, na sparguina d curiendul
l’am arcurdeva ch l’era pasè Carnavēl.

Adeas i streaz celest cun i engul
im arcualda na tragedia, un brot quēl.

Dma agli or strachi di ultum dè,
in ponta ad pì al murtarà la lus.

Coma la nev ae sol am sfarò me,
gnac na pedga alzira, d sgatabus.

La mi zendra in t un scuciot,
i ultum en in tla memðria de picì,

e pu un dè nec quest e srà rot,
i mi ricurd scanzlèa, e viaz finì.

E masum quelca võlta asrò l undina
cla t careza al impruvisa i pì a tradimeit
quând che là luntà e pasa un bastimeit
e tat farè in là nec s lè znina znina

La fine del viaggio

Tempo fa coriandoli sparsi mi ricordavano che era passato Carnevale./
Adesso le mascherine con gli angoli mi ricordano una tragedia, una brutta cosa./
Domani le ore stanche degli ultimi giorni in punta di piedi spegneranno la luce./
Come la neve al sole mi annienterò, neanche una leggera orma, di soppiatto./
La mia cenere in un contenitore, gli ultimi anni nella memoria del computer,/
e poi un giorno anche questo sarà rotto, i miei ricordi cancellati, il viaggio finito./
Al massimo qualche volta sarò l’ondina che ti accarezza improvvisamente i piedi a tradimento, quando là lontano passa un bastimento e ti sposterai anche se è piccola piccola

Lucia Baldini

Ultime Notizie

Rubriche