De Coubertin, in cielo, avrà sorriso…

Erin Jackson avrebbe perso la possibilità di partecipare ai Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022, ma Brittany Bowe, che ha vinto la gara dei Trials americani, le lascia il posto: “E’ la più forte, se lo merita più di noi”.

Questa è la storia più olimpica che da molto tempo ci sia capitata di ascoltare. Erin Jackson è la numero uno al mondo nel pattinaggio di velocità su ghiaccio: a novembre in Polonia è diventata la prima donna di colore a vincere una gara di Coppa del Mondo. Ha vinto quattro delle otto gare sui 500 metri del circuito di Coppa del Mondo.

E’ favoritissima per la medaglia d’Oro a Pechino.

Senonché il sistema dei trials americani, da dentro o fuori, l’ha esclusa dalla partecipazione ai Giochi: nella gara di qualificazione Jackson è scivolata ed è arrivata terza. Si qualificavano solo le prime due.

A quel punto interviene la prima classificata, Brittany Bowe.

“Le lascio il posto, alle Olimpiadi ci va lei. Erin si è guadagnata il diritto di far parte di questa squadra perché nessuna di noi è più meritevole di lei, nessuna di noi ha l’opportunità di portare a casa una medaglia. Dopo quello sfortunato errore, sapevo nella mia testa prima ancora di decidere che lei avrebbe dovuto avere il mio posto”.

Bowe è amica di Jackson da bambine, vengono entrambe della città di Ocala, in Florida. Bowe, tra l’altro, non è un’atleta qualunque: ha partecipato ai Giochi nel 2014 e nel 2018 ha vinto un bronzo nell’inseguimento a squadre.

A Pechino ci andrà lo stesso, e correrà i 1.000 e i 1.500 metri.

Ma quella gara no: quella è di Jackson, la sua amica, la più forte.

Pierre de Coubertin, fondatore dei Giochi olimpici moderni, nel banchetto di commiato tenutosi alla fine delle Olimpiadi di Londra, il 24 luglio 1908, nel suo discorso citò quanto affermato da un vescovo anglicano della Pennsylvania, Stati Uniti: “I Giochi in sé valgono più delle gare e dei premi. San Paolo ci dice quanto insignificanti siano i premi… anche se uno solo si cinge d’alloro, tutti condividono la gioia di gareggiare”.

Dopo più di cento anni, le sue parole si sono avverate di nuovo e, certamente, il suo volto si sarà illuminato in un bel sorriso, nel cielo infinito!

Tiziano Conti

Nella foto:

A sinistra Brittany Bowe, a destra Erin Jackson

Ultime Notizie

Rubriche