lunedì 18 febbraio 2019

Apriamo i porti

Io Lui non lo commento, ne prendo atto

Dalla redazione

Quaranta con il Circolo La Ginestra di Crespino del Lamone

1835 contatti sabato scorso, quasi 1500 ieri senza il giornale!

Indignato!

Ora basta è ora di dimostrare la nostra indignazione


Davanti all’ennesima tragedia che riguarda il fenomeno dei migranti, non importa se di gente che affoga nel Canale di Sicilia o di lavoratori stranieri regolari che sono costretti a vivere in situazioni disumane (come ci ricorda la morte di un giovane senegalese di 27 anni avvenuta nella notte fra venerdì e sabato scorsi), il capo di un partito di Governo, un Vice Presidente del Consiglio dei Ministri nonché Ministro degli Interni non ha una parola di commozione e di cordoglio ma sbotta, come suo solito, in modo sprezzante ed arrogante “Sgombreremo la baraccopoli …… Basta abusi e illegalità”.


Ma Dio mio, come siamo ridotti! Più della metà degli italiani sostiene, direttamente o indirettamente, un individuo che non si ferma un attimo in rispettoso riguardo nei confronti di una persona che è innanzitutto vittima della povertà e della miseria, pur di far risuonare nelle orecchie dei nostri concittadini solo parole di odio, noncurante del fatto che si è consumata l’ennesima tragedia e ben sapendo che il nostro popolo, sempre “cordiale e accogliente”, ora risponde con entusiasmo a proclami come “rispediamoli a casa tutti”, ben sapendo che ciò è storicamente impossibile ed economicamente impraticabile e non conveniente, ma soprattutto umanamente inaccettabile.

Il problema è complesso e non si pretende di risolverlo con soluzioni semplici: quando Papa Francesco afferma che “l’accoglienza è doverosa”, non pronuncia una frase vuota, ma richiama tutti noi al senso di responsabilità, a cominciare da chi professa la nostra fede e non fa abbastanza per dare il suo pur piccolo contributo ad affrontare il problema; invece di pretendere che venga eretto un muro all’ingresso di fratelli meno fortunati, è necessario farlo simbolicamente contro chi proclama la discriminazione e vuole ricondurre il nostro paese verso un ormai troppo presto dimenticato “regime autoritario” che ha imperato per un ventennio ed ha portato solo rovine e distruzioni.

A San Ferdinando quei lavoratori creano reddito per quella comunità e sarebbe doveroso che, oltre ad occuparsi di loro lo Stato con le sue leggi e le sue provvidenze, lo facessero anche le comunità locali, istituzioni civili e religiose, forze sociali ed associazionismo; forse già lo fanno, ma non in misura sufficiente, se è vero che accadono tali tragedie. Se non c’è il concorso di queste componenti, le soluzioni diventano centralistiche, scollegate dalla realtà e senza il fondamento di quell’anima coesa che le deve tenere assieme nel territorio.

Approfittare di queste emergenze per cercare di fare proselitismo risvegliando gli antagonismi che creano consenso nell’elettorato, senza un briciolo di umanità e di compassione, anche quella di un solo minuto per il rispetto di una tragedia, è una cosa indegna: chi le propugna, chi le appoggia e chi – potendolo fare – non ne prende le distanze dimostra insensibilità alle problematiche del bene comune e della convivenza civile (che comprende anche l’accoglienza).

Ora basta! E’ arrivato il momento di dimostrare la nostra indignazione in modo organizzato ed efficace. Quale la guida del nostro pensiero? Una generica disponibilità a costruire un mondo migliore? La necessità di agire contro qualcuno? No, niente di tutto questo: la strada giusta per ricreare condizioni di umanità nelle nostre comunità, via via allargando lo scenario a tutti i livelli, sta nella tenace e costante predicazione di Papa Francesco, che è rimasta una delle poche voci autorevoli contro i populismi e gli autoritarismi di ogni tipo. La sua pratica attuazione ora tocca anche a noi! 



Un lettore assai indignato! 

Il NO del PD

La difesa di Renzi
di Arrigo Antonellini



E' stata pubblicata pochi giorni fa da il Resto del Carlino. 

Il turismo a Lugo

L'articolo più letto di sabato scorso 16 febbraio



Ha vinto Guido Neri su un tema che a Lugo ha, a tutt'oggi, numeri che nei grandi numeri tecnici dell'economia vengono definiti irrilevanti.

Beati voi poveri

Ieri Domenica 17 marzo nelle chiese



Si è pregato anche così: "O Dio spezza il giogo dell'egoismo che ci rende estranei gli uni agli altri e fa che accogliendosi a vicenda come fratelli diventiamo segno dell'umanità rinnovata.
E' stato letto la pagina del Vangelo di Luca dove Gesù dice: "Beati voi poveri, perchè vostro è il regno dei cieli, beati voi che avete fame perchè sarete saziati. Ma guai a voi ricchi perchè avete già ricevuto la vostra consolazione, guai a voi che ore siete sazi, perchè avrete fame".

Quaranta

Piacciono sempre di più le proposte del Circolo La Ginestra di Crespino del Lamone

Quaranta erano le prenotazioni, 39 i presenti, una ha telefonato che aveva pensato di chiamare l'ambulanza per non mancare comunque.... 
Metà romagnoli e metà toscani, uno degli obiettivi del Circolo, Crespino terra di confine, confini aperti, conoscenza tra diversi, incontro, dialogo, crescita per entrambi.













Il prossimo appuntamento il 17 marzo

Info bblaginestra.jimbo.com

Arrigo Antonellini

Lugo Music Festival

La terza edizione ha un programma "esplosivo"



E' nato due anni fa nella "piccola" aula "magna" della Media Gherardi, ha fato il boom lo scorso anno all'alba al monumento di Baracca, si presenta quest'anno con un programma di grande interesse.




La capolista Napoli non va oltre il pari



Il Napoli, per la verità ancora una volta sfortunato e dopo aver dominato la partita, si fa fermare in casa anche dal Toro e l'Inter si avvicina al comando della classifica.

ana

Capolista il Napoli??

Abbiamo i cellulari che scoppiano, subissati di chiamate.

Come il Napoli capolista e la Juve?

Juve? Chi era costei che ciazzecca la Juventus con il campionato italiano?

Lo juventino scoppiato

L'agenda eventi di Matito

18
Lunedì
Davide Enia
L'ABISSO
Bagnacavallo – Teatro Goldoni ore 21
19
Martedì
Cinema
Toro scatenato
Bagnacavallo – Palazzo Vecchio ore 21.15

Trio Eccentrico
Operisti a salotto
Bagnacavallo – Teatro Goldoni ore 21
20
Mercoledì
Cinema
Toro scatenato
Bagnacavallo – Palazzo Vecchio ore 21.15
21
Giovedì
Una Massa di libri
Giuseppe Pizzola
"Sotto la faccia"
Massa Lombarda - Centro Culturale Venturini ore 20.30
22
Venerdì
Teatro dialettale
Cotignola - Teatro Binario ore 21
Caffè letterario
RAFFAELE RICCIO
Armando Diaz. Il generale e l’uomo”
Lugo – Hotel Ala d’Oro
ore 21
Stagione danza
SHUBERT FRAMES
GERSHWIN SUITE
Lugo – Teatro Rossini
Ore 20.30
Spettacolo “Chi ce lo ha fatto fare?” con Marco Dondarini e Davide Dalfiume.
Massa Lombarda – Sala del Carmien ore 21
I Dekru, quartetto di mimi ucraini in “Anime Leggere”
Conselice- Teatro Comunale ore 21
Spettacolo
LANDSCAPES
Fusignano - Auditrium Corelli ore 21.00
23
Sabato
Cinema
Vice
Fusignano – Cinema Moderno ore 21
Teatro
Anime leggere”
Conselice- Teatro Comunale ore 21
Mercatino del riuso
Massa Lombarda
Teatro dialettale
Bagnacavallo – Teatro Goldoni ore 21

Consigli per gli acquisti


La Liverani ora vince sempre, anche in rimonta

Liverani Castellari Lugo-Rovigo 3-1 (21-25, 26-24, 25-21, 25-23) 


LIVERANI CASTELLARI: Grasso 8, Lauciello 5, Milesi 23, Piovaccari 9, Capriotti 2, Rizzo 15, Magaraggia (libero), Gaddoni, Corrente, Sangiorgi. N.e. Migliori, Bina. All.: Marone.

NOTE. Battute vincenti: Lugo 3, Rovigo 12. Battute sbagliate: Lugo 14, Rovigo 10. Muri: Lugo 11, Rovigo 9. Errori: Lugo 18, Rovigo 25.


Consigli per gli acquisti


Spirito e Materia

Il restauro dei tetti della Basilica di San Pietro in Sylvis di Bagnacavallo


Si è chiusa al teatro Goldoni di Bagnacavallo con lo spettacolo Lirica… ma non troppo la ventesima edizione di Spirito e Materia, rassegna curata dalla Pro Loco in collaborazione con il Comune.



Lòm a mêrz 2019

Riceviamo e pubblichiamo


Secondo la tradizione, gli ultimi tre giorni di febbraio e i primi tre di marzo, sul far della sera, i contadini accendevano grandi fuochi nei campi, per scongiurare la malasorte. Il significato era quello di ricacciare il freddo e il rigore dell’inverno, bruciando i rami secchi delle potature e invitando così la buona stagione con l’auspicio di rigogliosi raccolti.


La Soffitta in Piazza

In programma Domenica 3 marzo


Fervono i preparativi a Villanova di Bagnacavallo per il primo appuntamento di Domenica 3 marzo con La Soffitta in Piazza, l'ormai tradizionale mercatino del riuso che promuove il riciclo e lo scambio, dando una seconda vita alle cose ed evitandone lo smaltimento.




Riccardo 3

 In scena al comunale di Russi 


Mercoledì 20 febbraio (ore 20.45) irrompe sulla scena del teatro comunale di Russi Riccardo 3.



Da casa a scuola con il piedibus

Dodici incontri sulla mobilità sostenibile

Il Pedibus e la mobilità sostenibile nel percorso casa-scuola sono al centro di alcuni incontri nei comuni della Bassa Romagna, nell’ambito del progetto “La Bassa Romagna prende piede”.


Carnevale al Centro Sociale il Tondo di Via Lumagni a Lugo

FOTONOTIZIA